Bonus e agevolazioni, le novità per il 2024: CNA a disposizione per il rinnovo dell’Isee e la presentazione delle domande

-->

Come di consueto, tra attese conferme e alcune novità, l’arrivo del nuovo anno porterà con sé una serie di agevolazioni fiscali ed economiche riservate alla cittadinanza, di cui famiglie e imprese potranno beneficiare da qui ai prossimi mesi.

Anche nel 2024 la CNA di Ascoli Piceno continuerà a offrire supporto e consulenza nell’ambito di alcuni servizi essenziali per il cittadino, a cominciare dall’assegno unico universale, finalizzato a sostenere economicamente i nuclei familiari con figli a carico fino a 21 anni e nuovi nati a decorrere dal settimo mese di gravidanza. A questo proposito, la rivalutazione dell’assegno unico in base all’inflazione corrente ha portato la quota minima a superare i 57 euro mensili, incrementabili ulteriormente in base alla corrispondente fascia Isee.

Restando in famiglia, nel 2024 è previsto anche l’aumento del bonus asilo nido fino a un massimo di 3.600 euro annui in favore dei nuclei familiari con almeno un figlio nato dopo l’1 gennaio che abbiano almeno un altro figlio minore di 10 anni e un reddito Isee inferiore a 40.000 euro.

 

Un’ulteriore agevolazione, inoltre, è destinata alle mamme lavoratrici con 3 o più figli a carico e un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato. In questo caso, la nuova decontribuzione prevede un esonero del 100% dei contributi fino al mese di compimento del 18° anno del figlio più giovane, per un massimo di 3.000 euro annui e con una limitazione a un solo anno di decontribuzione per le lavoratrici con 2 figli.

 

Le famiglie con un reddito Isee pari o inferiore a 15.000 euro potranno contare anche quest’anno sulla social card “Dedicata a te” per l’acquisto di beni alimentari di prima necessità, con uno stanziamento complessivo previsto di 600 milioni di euro (100 milioni in più rispetto al 2023).

Come noto, anche nel 2024 famiglie e imprese potranno contare sul Superbonus, il cui beneficio è stato tuttavia ridotto al 70%. Nonostante l’istituzione di un fondo a sostegno dei contribuenti con reddito inferiore a 15.000 euro istituito dal Consiglio dei ministri, la CNA di Ascoli Piceno ribadisce la necessità di concedere una proroga ai cantieri con interventi realizzati almeno al 60% al 31 dicembre 2023, in modo da tutelare le famiglie e le aziende che hanno scelto di investire in una misura efficace, ben presto compromessa da lungaggini burocratiche e continue modifiche normative.

Confermato anche il Sismabonus per gli interventi di natura antisismica e le spese sostenute dall’1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2024, con una detrazione da calcolare su un ammontare massimo di 96.000 euro per unità immobiliare per ciascun anno e da ripartire poi in cinque quote annuali di pari importo. In particolare, la percentuale di detrazione corrisponderà al 50% in caso di miglioramento dell’unità immobiliare senza “salto” di classe di rischio sismico, per poi salire al 70% con riduzione di una classe di rischio, all’80% con riduzione di due classi di rischio, al 75% con riduzione di una classe di rischio per lavori su parti condominiali e all’85% con riduzione di due classi di rischio per lavori su parti condominiali.

 

La legge di Bilancio varata dal Governo Meloni prevede inoltre uno stanziamento di 282 milioni di euro in favore dei giovani di età inferiore a 36 anni e un reddito Isee inferiore a 40.000 euro che intendano richiedere un mutuo per una prima casa dal valore inferiore a 250.000 euro.

Al tempo stesso, è stata confermata la detrazione Irpef del 50% sull’acquisto di mobili e alcuni elettrodomestici – con una soglia di spesa massima ridotta tuttavia a 5.000 euro rispetto agli 8.000 dello scorso anno – così come il bonus caldaia per l’installazione di impianti a condensazione di classe energetica superiore, con aliquote di agevolazione variabili dal 50% al 65% in base ai lavori da svolgere.

 

Prorogato anche il bonus per l’adeguamento edilizio a misura di disabilità e l’abbattimento delle barriere architettoniche, che dall’1 gennaio tuttavia coinvolgerà esclusivamente scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici, escludendo dunque dalla detrazione al 75% le spese per il rifacimento di bagni e infissi.

 

Novità attese anche sul fronte dei trasporti, con incentivi fino a 13.750 euro (in relazione al reddito Isee) per la rottamazione e il passaggio all’elettrico, il bonus per le colonnine di ricarica elettrica fissato all’80% del prezzo di acquisto e installazione e il contributo da 60 euro per l’acquisto di abbonamenti ai mezzi pubblici riservato ai possessori della social card “Dedicata a te”. Si tratta, anche in questo caso, di una serie provvedimenti che la CNA di Ascoli Piceno reputa indispensabili per favorire la transizione ecologica del Paese, intervenendo con particolare attenzione sulle fasce economicamente più fragili della cittadinanza.

A questo proposito, come già evidenziato, anche quest’anno il calcolo del reddito Isee darà accesso ad alcune delle agevolazioni previste per sostenere cittadini e famiglie in difficoltà economica.

È il caso degli sconti sulle utenze di gas, luce e gas, ma anche dell’assegno di inclusione riservato ai nuclei familiari che comprendono almeno un minore, un disabile e un componente con più di 60 anni, per il quale la CNA di Ascoli Piceno fornisce un servizio di presentazione delle domande.

Dal reddito Isee, inoltre, dipendono le riduzioni sulle tasse universitarie e la concessione della carta acquisti ordinaria per le famiglie in difficoltà economica. Un’ultima novità riguarda, infine, l’istituzione del Supporto per la formazione e il lavoro, la misura di attivazione al lavoro riservata ai componenti occupabili di un nucleo familiare con reddito Isee fino a 6.000 euro che prendono parte a iniziative formative o di orientamento per trovare occupazione.

 

Gli uffici di Ascoli e San Benedetto della CNA Picena sono a disposizione per l’aggiornamento del reddito Isee, offrendo supporto e consulenza nella presentazione delle domande relative ai bonus e alle agevolazioni in vigore nel 2024.

 

BONUS 2024 – LE GRAFICHE RIASSUNTIVE

Scarica la grafica riassuntiva in formato .jpg

Scarica la grafica riassuntiva in formato .pdf

Potrebbe interessarti anche

>
ASSOCIATI