Autotrasporto, raggiunta l’intesa sulla procedura dei crediti d’imposta

Dopo l’invio della lettera firmata da Unatras – sigla che raccoglie nove associazioni del mondo dell’autotrasporto tra cui CNA Fita – e indirizzata lo scorso 10 giugno ai rappresentanti del Governo, il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili ha indetto una riunione nel corso della quale è emerso che è stata raggiunta l’intesa con Agenzia delle Dogane, Agenzia delle Entrate e i competenti uffici dell’Unione Europea in relazione all’utilizzo del credito di imposta destinato alle imprese di autotrasporto conto terzi come ristoro per l’incremento dei costi sostenuti.

Il Ministero ha inoltre garantito sulla disponibilità delle risorse destinate e sui tempi di erogazione delle stesse entro la prossima scadenza fiscale.

Unatras, in sinergia con il Ministero, monitorerà da vicino tutti i passaggi da completare e che porteranno le imprese a poter disporre della compensazione del credito d’imposta in tempi utili.

Infine, in vista della dichiarazione dei redditi 2021, i rappresentanti del Ministero hanno annunciato che gli importi delle deduzioni forfettarie confermati dal Mef ammontano a 55 euro per giornata lavorativa al di fuori del Comune di riferimento. Per la pronta fruizione della misura è in dirittura d’arrivo la relativa circolare dell’Agenzia delle Entrate, per la quale seguiranno aggiornamenti.

Autotrasporti, una lettera di Unatras al premier Draghi: «No alle speculazioni sui carburanti»

ASSOCIATI